dal sito UNCSAAL:

La nuova versione della norma di prodotto (ed. Marzo 2010) ai fini della marcatura CE sarà valida a partire dal 1° dicembre 2010.

La versione in italiano della UNI EN 14351-1 (ed. Marzo 2010) è disponibile sul sito dell’UNI.

I principali contenuti dell’emendamento sono:

  • L’esplicito inserimento della procedura di trasferimento dei risultati delle prove iniziali di tipo a cascata (Cascading ITT) come modalità prescelta per attestare il livello prestazionale offerto dai manufatti di fornitura.
  • L’esclusione dello Shared IIT: la procedura di condivisione dei risultati delle prove iniziali di tipo (Shared ITT) viene esclusa come modalità per attestare il livello prestazionale offerto dai manufatti di fornitura.
  • L’esclusione delle porte pedonali motorizzate, che saranno oggetto di una propria norma di prodotto;
  • La riconferma della possibilità contenuta nell’Appendice ZA.2 di calcolare la trasmittanza termica Uw da parte del Costruttore di Serramenti, eventualmente avvalendosi del metodo del serramento campione/normalizzato e delle relative regole di estensione previste dalla norma EN 14351-1. All’ente notificato rimane unicamente il compito di verificare gli elementi base (dati d’ingresso) del calcolo; nel caso specifico, essendo il vetro già soggetto a marcatura CE, gli elementi di base del calcolo, da verificare da parte dell’ente notificato, si riducono ai valori di trasmittenza del telaio Uf.
  • L’inserimento dei prodotti “marginale e non di serie” per la cui marcatura CE il Costruttore può procedere direttamente all’esecuzione alle prove iniziali di tipo (ITT), senza di dover ricorrere obbligatoriamente all’intervento dell’ente notificato.
  • L’inserimento del termine CAP (conventionally accepted performance) per designare una prestazione accettata convenzionalmente senza bisogno di effettuare prove come ad esempio i valori tabulati; l’introduzione del termine CWFT (clessified without the need for further testing) per designare una caratteristica già determinata con prove ITT che secondo specificati criteri non necessita di ulteriori nuovi test.
  • L’inserimento della nuova Appendice H relativa alle finestre da tetto;
  • L’inserimento della nuova Appendice I con la possibilità di dichiarare valori tabulati della classe di permeabilità all’aria.
  • L’inserimento della nuova Appendice J con fattori correttivi dell’Uw (es. inglesine, profili decorativi, etc);
  • L’obbligo di conservazione dei certificati ITT per 10 anni, in Appendice ZA.1
  • L’elencazione delle classi di comportamento al fuoco dall’esterno, quando richiesto, nel Prospetto ZA.1.
  • L’etichettatura sintetica, già prevista, viene esemplificata in Fig. ZA.3: